CISST presenta conversazioni con Guido Melis

CISST

Centro Internazionale per gli studi Storici, Sociali e dei Territori

(Sezione del Centro di Geomorfologia Integrata per l’Area del Mediterraneo)

 

Guido melisConversazioni con…
 
GUIDO MELIS
videoconferenza sul tema
 
Gli assetti amministrativi in Italia
tra storia e attualità
 
Coordinano il dibattito
Elena Vigilante e Donato Verrastro
 
Potenza, 20 maggio 2015 – ore 17.00
Sede CISST – Potenza, via Francesco Baracca n. 175
 
La conferenza verrà trasmessa in diretta streaming accedendo al blog del CISST
www.cisst.wordpress.com
 
 Sarà inoltre possibile interagire, nel corso dell’evento, tramite i canali social
twitter: @centroisst                                        facebook: cisst
 
Locandina 

  

Conferenza Stampa Presentazione CISST

E’ convocata per lunedì 20 aprile, ore 10.30, la conferenza stampa di presentazione del Centro Internazionale per gli Studi Sociali e dei Territori, presso la sede del CGIAM, il centro di Geomorfologia Integrata per l’Area del Mediterraneo, in via F.Baracca 175, a Potenza.

Il CISST, nasce dalla volontà del CGIAM di valorizzare lo straordinario patrimonio storico e culturale del nostro territorio che affonda le sue radici nel lavoro, nella passione e nel talento dei lucani.

Alla conferenza stampa parteciperanno: Rodolfo Console, presidente CGIAM, Lucia Trivigno, direttore CGIAM, ed il gruppo di lavoro e ricerca del CISST composto da Rocco Brancati, coordinatore CISST, Donato Verrastro, ricercatore di Storia contemporanea dell’Università di Salerno, Sergio Ragone, giornalista ed esperto di comunicazione digitale, che presenteranno la mission ed il piano delle attività future del centro.

https://cisst.wordpress.com/

Buongiorno Regione – Servizio Rai sul CGIAM del 27/02/1981

Buongiorno Regione – Servizio Rai sul CGIAM del 27/02/1981

Clicca sul video e guarda il servizio andato in onda il 27 Febbraio 2015 in “Tiggi della Memoria”, rubrica di Buongiorno Regione del TGR Basilicata.

Buongiorno Regione - Tiggì della Memoria - Servizio del 27/02/1981

Call 2015 DG ECHO_Progetti di prevenzione e preparazione nel campo della Protezione Civile e dell’Inquinamento marino

La Commissione Europea, DG ECHO, ha pubblicato il nuovo bando per il 2015 per “Progetti di prevenzione e preparazione nel campo della Protezione Civile e dell’Inquinamento marino”.

L’obiettivo del bando è selezionare progetti che sostengono e integrano gli sforzi degli Stati Membri e dei Paesi Terzi Ammissibili nel campo della prevenzione e della preparazione in materia di protezione civile e dell’inquinamento marino, concentrandosi sui settori in cui un approccio comune europeo risulterebbe più adatto.

L’invito riguarda due aree politiche distinte, la prevenzione e la preparazione, ciascuna con i suoi obiettivi ed i suoi budget specifici.

Obiettivi per progetti di prevenzione: sostenere ed integrare gli sforzi degli Stati Membri e dei Paesi Terzi Ammissibili per azioni volte a raggiungere un livello più elevato di protezione e di resilienza alle catastrofi prevenendone o riducendone gli effetti.

Obiettivi per progetti di preparazione: creare i presupposti per migliorare e rafforzare la consapevolezza  dei dipartimenti di protezione civile e/o dei professionisti sull’inquinamento marino e dei volontari ad affrontare le calamità.

Scadenza: l’8 Aprile 2015.

Maggiori informazioni sono disponibili al seguente link:

http://ec.europa.eu/echo/en/funding-evaluations/financing-civil-protection/calls-for-proposal/2015-prevention-and-preparedness

Eventi sismici – Appennino Lucano 06/08/2014

Eventi sismici – Appennino Lucano 06/08/2014

Un terremoto di magnitudo (Ml) 3.0 è avvenuto alle ore 10:16:20 italiane del giorno 06/Ago/2014 (08:16:20 06/Ago/2014 – UTC).

Un evento di minore magnitudo (Ml 2.4) era stato registrato in precedenza alle ore 00:17 di oggi con una localizzazione ipocentrale molto vicina a quello delle 10:16.

L’epicentro del terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV in un punto dell’Appennino_Lucano situato a circa 8 km a sud-est di Potenza, con una profondità ipocentrale pari a circa 10 km.

Dott. Rodolfo Console
Presidente del CGIAM

Comunicato Stampa

Contratto quadro multiplo di servizi nei settori della valutazione delle opzioni scientifiche e tecnologiche (STOA)

Contratto quadro multiplo di servizi in 9 lotti per la prestazione di competenze esterne nei settori della valutazione delle opzioni scientifiche e tecnologiche (STOA)

CGIAM, in qualità di Capofila, in collaborazione con Geocart S.p.A e Comunità Ambiente si è aggiudicato il Lotto 3: Ambiente (incluso il cambiamento climatico) per la fornitura di servizi di consulenza specialistica nei settori della valutazione delle opzioni scientifiche e tecnologiche (STOA). Attraverso il contratto quadro, le competenze saranno fornite sotto forma di documenti informativi, documenti di ricerca, studi o servizi ad hoc.

Scopo del contratto quadro è fornire a STOA valutazioni di alta qualità e indipendenti su questioni scientifiche e tecniche nei seguenti principali settori delle politiche ambientali (elenco non esaustivo):

— sviluppo sostenibile,
— cambiamento climatico,
— rifiuti,
— rumore,
— inquinamento atmosferico,
— acque,
— natura e biodiversità,
— protezione del suolo,
— protezione civile,
— interazioni tra ambiente e salute,
— tecnologie di monitoraggio ambientale, incluse le tecnologie spaziali.

Stiamo implementando un DataBase di esperti con esperienza nei settori ambientali sopra descritti, per maggiori informazioni visiti la nostra pagina web Lavora con noi/Bandi di gara.

Modelli per la Riduzione dell’esposizione economico-finanziaria dello Stato e la salvaguardia di vite umane

Modelli per la Prevenzione e Mitigazione dei danni alle persone e al patrimonio edilizio attraverso la copertura assicurativa

Si è svolta a Roma la tre giorni di lavori organizzata dal Centro di Geomorfologia Integrata per l’Area del Mediterraneo (CGIAM) per la definizione e presentazione del progetto “Modelli per la Prevenzione e Mitigazione dei danni alle persone e al patrimonio edilizio attraverso la copertura assicurativa in caso di eventi catastrofici, progetto di cui il CGIAM è soggetto proponente e attuatore.

La tre giorni si è conclusa il 13 marzo u.s presso la Sala delle Colonne della Camera dei Deputati con la presentazione della proposta di progetto, in una sala gremita di esperti nazionali ed internazionali sui temi oggetto dei lavori ed i referenti delle principali compagnie assicurative.

SONY DSC

Il progetto, definito in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e con la Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica (ReLUIS), ha tra gli obiettivi finali quello di promuovere lo sviluppo di modelli per la riduzione dell’esposizione economico-finanziaria dello Stato in caso di eventi naturali catastrofici quali: terremoti, alluvioni e frane, sia attraverso la messa a punto di strategie innovative di prevenzione e mitigazione per la messa in sicurezza del patrimonio abitativo (pubblico e privato) e di quello infrastrutturale; sia supportando le compagnie assicurative nella definizione del premio assicurativo cui assoggettare detto patrimonio in funzione della vulnerabilità dell’edificato correlata alla tipologia dell’edificato e al sito su cui l’edificato stesso insiste.

Il progetto parte dalla constatazione che l’Italia è tra i paesi maggiormente esposti a catastrofi connesse ai rischi naturali, tra cui rientrano il rischio sismico e quello idrogeologico, ciò, dunque, rende necessaria la definizione di soluzioni che consentano di convogliare risorse economiche dello Stato, troppo spesso impiegate per la gestione delle situazioni post-evento, verso attività di prevenzione così da ridurre l’esposizione economia dello Stato nel caso in cui detti eventi si verifichino.

Il sistema assicurativo di per sé non influisce direttamente sui costi totali: esso serve piuttosto a ripartire, fra tutti i soggetti al rischio, il costo stesso e a diluirlo nel tempo. Tuttavia le agevolazioni fiscali e la riduzione dei premi assicurativi per i soggetti che intervengono sul patrimonio edilizio, possono costituire uno stimolo alle azioni di mitigazione del rischio, influendo sul fattore della vulnerabilità e contribuendo alla riduzione del rischio stesso.

SONY DSC

Infine, la diffusione tra la collettività dell’importanza di effettuare periodicamente interventi di verifica del patrimonio edilizio o di miglioramento e/o adeguamento dello stesso contro eventi calamitosi, non solo riduce l’entità dei danni eventualmente da sopportare e dunque la perdita di vite umane, ma è anche un volano per l’economia nazionale in quanto questi interventi rendono necessari il ricorso ad un ampio ventaglio di professionisti, artigiani, imprese, ecc…. .

Il progetto è stato introdotto ed illustrato nei suoi obiettivi e nelle sue principali componenti, dal Presidente del CGIAM, dott. Rodolfo Console, dal dott. Massimo Chiappini, Direttore Sezione Roma 2 dell’INGV e dal Prof. Felice Carlo Ponzo, referente di ReLUIS.

Sono intervenuti,  inoltre, quali relatori, esperti di fama nazionale ed internazionale quali: Ralph Von Frese della Ohio State University (USA), David Rhoades di GNS Science (Nuova Zelanda), Eleftheria Papadimitriou dell’Università di Thessaloniki (Grecia), Jean-Sylvain Magagnosc dell’Università di Poitiers (Francia), Emil-Sever Georgescu di URBAN-INCERC (Romania),  Bogdan Bujor Grecu del National Institute for Earth Physics (Romania) e Luciano Guerriero del Politecnico di Bari e Primo Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana.

I lavori sono stati conclusi dal Prof. Stefano Gresta, Presidente dell’INGV, dal Dr. Maurizio Croce, Commissario Straordinario delegato per la mitigazione del rischio idrogeologico nelle regioni Puglia e Sicilia, dal Dr. Antonio Colangelo, Vice-Presidente del CGIAM ed infine dal Dr. Alfio Pini, Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

Scarica la Locandina

Terremoti, la Protezione civile blocca la ricerca sismica: sospetti di opacità nell’uso dei fondi

Il ministro dell’Istruzione ed il capo della Protezione civile  sono stati costretti a sospendere i bandi per la ricerca sismica che erano stati emanati nell’ambito di un accordo quadro con l’Ingv (l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia) per finanziare gli studi sui terremoti

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-01-30/terremoti-protezione-civile-blocca-ricerca-sismica-sospetti-opacita-uso-fondi-192608.shtml?uuid=ABs7hQt&cmpid=nl_7%2Boggi_sole24ore_com

Cooperazione in Romania, riunione Gruppo Basilicata

Si è svolto presso la Sala Verrastro della Giunta della Regione Basilicata, l’incontro del Gruppo di Lavoro Basilicata finalizzato all’avvio dei tavoli operativi per lo sviluppo delle azioni previste dal Protocollo di Cooperazione fra Regione Basilicata e Provincia di Gorj.

La volontà delle due istituzioni di cooperare per lo sviluppo e la crescita dei rispettivi territori è stata sancita ufficialmente, dopo la firma del Protocollo a Targu Ju (Romania) del 6 dicembre 2012, nell’incontro del 25 novembre scorso, svoltosi in Basilicata alla presenza delle massime cariche dei due governi.

All’incontro hanno partecipato come referenti del Gruppo di Lavoro Basilicata, il Presidente del Distretto Tecnologico di Basilicata TeRN, Antonio Colangelo, il Rettore dell’Università di Basilicata, Mauro Fiorentino, il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera San Carlo, Giampiero Maruggi, il Direttore del CNR IMAA, Vincenzo Lapenna, il responsabile di Utagri-Enea, Massimo Iannetta, il responsabile Area Sviluppo del Territorio di Sviluppo Basilicata, Vittorio Simoncelli e il Direttore del Centro di Geomorfologia Integrata per l’Area del Mediterraneo, Maria Lucia Trivigno nonché il Presidente Marcello Pittella e l’assessore all’Agricoltura Michele Ottati. (altro…)

V Assemblea Regionale – Il Geologo a Supporto delle Valutazioni Tecniche nelle Fasi di Emergenza a Carattere Nazionale

Il Geologo a Supporto delle Valutazioni Tecniche nelle Fasi di Emergenza a Carattere Nazionale (I Livello)

V ASSEMBLEA REGIONALE dell’Ordine dei Geologi di Basilicata

Nei Giorni 12, 13 e 14  Dicembre 2013 si terrà a Potenza, presso la Sala Inguscio della Regione Basilicata, la “V Assemblea Regionale dei Geologi di Basilicata”.

Il Tema affrontato sarà: Il Geologo a Supporto delle Valutazioni Tecniche nelle Fasi di Emergenza a Carattere Nazionale”.

L’evento è organizzato dall’Ordine dei Geologi di Basilicata in collaborazione con l’Ufficio della Protezione Civile della Regione Basilicata ed il Centro di Geomorfologia Integrata per L’Area del Mediterraneo (CGIAM).

Interverranno in qualità di relatori: professionisti dell’Ordine dei Geologi della Basilicata e della Campania, esperti del Consiglio Nazionale dei Geologi, dell’Uff. di Protezione Civile della Regione Basilicata, del CGIAM, del CNR, dell’Università della Basilicata e dell’Autorità di Bacino della Basilicata.

Scarica il Programma